La differenza tra Surgelare e Congelare i cibi

Da sempre l’uomo ha inventato metodi di conservazione per i cibi in modo da poterli consumare a distanza
di tempo nei periodi di non reperibilità.
Con la tecnologia e lo sviluppo industriale questo processo di conservazione è migliorato. Oggi, attraverso
due metodi quali surgelare e congelare, possiamo riservare per noi svariate quantità di alimenti.
Il metodo più diffuso e semplice da utilizzare a casa è quello del freddo. Infatti, surgelare o congelare il
cibo ci permette di mantenere intatte le sue proprietà organolettiche per un durata limitata nel tempo.
Ma quali sono le differenze tra surgelare e congelare i cibi?
Surgelare vuol dire portare gli alimenti velocemente a una temperatura tra i -30°C e i -40°C. Questo è un
processo industriale che necessità di apparecchiature specifiche.
Congelare è un procedimento casalingo, le fasi di congelamento durano diverse ore in base al prodotto e le
temperature sono comprese tra 0°C e -15°C.
La differenza sostanziale tra surgelare e congelare sta nella grandezza dei cristalli di ghiaccio che si vanno a
formane nel cibo. Molto più veloce sarà il raffreddamento, meno grandi saranno le dimensioni dei cristalli
di ghiaccio. I cristalli sono l’indice che ci dice se quel cibo è stato conservato correttamente mantenendo
così intatte le proprietà organolettiche e la consistenza dei cibi stessi.
Si possono congelare tutti gli alimenti anche quelli già pronti per il consumo, seguendo ovviamente delle
regole precise. (Inserire link articolo come congelare i cibi)
Devi sapere che un prodotto surgelato, una volta riportato a temperatura ambiente, risulterà simile o
identico al prodotto fresco; il prodotto congelato, invece, a causa dell'acqua persa e alla rottura delle
strutture cellulare, appare meno compatto ma non per questo meno buono.
Spero di aver risolto i tuoi dubbi e finalmente avrai capito che surgelare e congelare non sono sinonimi, ma
due processi di conservazione dei cibi differenti.